Pordenone Calcio vs KFA-TP Mazembe

CIVIDALE DEL FRIULI Una formazione africana nell’albo d’oro del Trofeo internazionale U18 “Nereo Rocco” di Gradisca d’Isonzo. Venticinque anni dopo i Goldfields Accra (Ghana) il Mazembe si porta via la coppa con pieno merito, piegando un più che dignitoso Pordenone grazie all’ennesima doppietta del suo centravanti Kilongozi, che chiude con 9 centri in 5 gare il suo eccezionale torneo. Les Corbeaux, “i corvi” africani, passano ben presto in vantaggio con il solito Kilongozi, che trasforma il penalty concesso dal direttore di gara per un fallo di mano in area. Il centravanti congolese si era visto respingere la prima conclusione dal reattivo Gallo, ma l’arbitro ha fatto ripetere l’esecuzione per il repentino ingresso in area dei neroverdi prima della battuta. Al secondo tentativo, Kilongozi non perdona: 1-0. E la sfida si mette ben presto sui binari ideali per i bianconeri, perchè lo stesso totem d’area approfitta di una sbavatura dei ramarri per mettere a sedere difensore e portiere con un gran gioco di gambe e depositare nel sacco sguarnito. Ti aspetteresti un Pordenone choccato, e invece i ragazzi di Stefani non smettono di crederci e pur attraverso un gioco a tratti troppo nervoso. E’ il tandem offensivo Doratiotto-Piaser a prendere per mano la squadra. Col passare dei minuti la pressione friulana cresce e al 42′ è proprio Doratiotto a deviare di testa in rete la punizione del compagno accorciando le distanze. Nella ripresa, al 18′, il Pordenone si rifà vivo con una punizione di Anzolin: Tshipangila blocca in due tempi. Si rivede al 27′ anche la “freccia” Bwanga, per l’occasione invertito sulla sinistra rispetto all’altro esterno Mukunda: buona azione individuale ma nessun compagno è pronto all’appuntamento col tocco sottomisura. La sfida comunque rimane combattuta e aperta a continui rovesciamenti di fronte. I ragazzi di Stefani provano a forzare la situazione e concedono il fianco al contropiede, evidentemente rapidissimo, dei congolesi: saltano un po’ gli schemi, e alla mezz’ora stavolta Kilongozi fa cilecca, sfiorando il palo con il suo lob. La sfida nel finale si fa confusa e a tratti tesa, ma i congolesi non rischiano praticamente nulla ed entrano definitivamente nella storia della kermesse giovanile gradiscana.

PORDENONE 1

MAZEMBE 2

MARCATORI: pt 11′ (rig.) e 20′ Kilongozi, 42′ Doratiotto

PORDENONE: Gallo, Pittonet (Sufaj), Reschiotto (Barzi), Gaspardo, Carnelos, Meneghetti, Tesser (Mauro), Pizzignacco (Chiccaro), Doratiotto, Anzolin, Piaser (Driussi). All. Stefani

MAZEMBE: Tshipangila, Nawei, Kasongo, Bokete, Manda, Djuma, Bwanga (Ndiniye), Salakuak (Tsavalos) , Kilongozi, Lubuya, Mukunda. All. Ngunda

NOTE: espulso Stefani; ammoniti Nawei, Bokete, Mukunda

vs

U.S. Triestina Calcio vs ASD Cjarlins Muzane

TRIESTINA Valori, Notaro, Vascotto, Crosara, Lubrano, Han, Esposito, Bibaj, Moncada, De Luca, Chittaro. Vivoda, Angelini, Zulian, Muiesan, Drago, Pescatori, Casagrande, Valente, Chermaz. All. Gentilini

CJARLINSMUZANE Biasin, Loi, Martinuzzi, Shugur, Molli, Fracarossi, Manzon, Porcaro, Partipilo, Michelin, Braida. Crespi, Gallo, Ancona, Donato, Qoshku, Medeot, Malisan, Lozer, Zilli. All. Tormena

MARCATORI: pt 25′ Moncada, 37′ Zilli

*0-2 sul campo, match ribaltato con 3-0 a tavolino per impiego di giocatore non schierabile da parte del CjarlinsMuzane

Il match si sblocca al 25′ quando Moncada, di testa, incorna in rete sugli sviluppi di calcio d’angolo approfittando dell’incertezza dell’estremo alabardato. Raddoppio poco dopo quando il numero 20 orange Zilli raddoppia in contropiede partendo dalla destra e trafiggendo il portiere in uscita con un abile pallonetto.  Bel primo tempo giocato  a viso aperto con ritmi elevati da entrambi gli schieramenti con occasioni reciproche;  bravo il Cjarlins più cinico a finalizzare. Al quarto d’ora della ripresa l’Unione grida al rigore per l’atterramento di Zulian ma lascia correre il direttore di gara. La Triestina è più intraprendente e battagliera, e poco dopo con Bibaj si fa viva con un’insidiosa punizione dal limite. Il Cjarlins legittima nel finale sfiorando il tris con una bella azione personale di Malisan.

vs