Quarant’anni fa moriva il grande “Paròn” Nereo Rocco

Il 20 febbraio di 40 anni fa moriva il grande Nereo Rocco. Il comitato organizzatore del Torneo internazionale dedicato all’indimenticabile #Paròn, in testa il presidente Franco #Bonanno, intendono ricordarlo in questo anniversario, ribadendo quanto la sua personalità e il suo stile, geniale ed ironico, pragmatico e generoso, siano stati e siano tuttora un esempio da seguire per chi ama il gioco piu’ bello del mondo. Ciao #Paròn! ⚽❤️

DEPORTIVO CALI CAMPIONE AL “NEREO ROCCO” DOPO UN’INFINITA FINALE-THRILLER

DEPORTIVO CALI 18

CHIVAS GUADALAJARA 17

1-1 DOPO I SUPPLEMENTARI, 17-16 AI CALCI DI RIGORE

DEPORTIVO CALI: Dominguez Molina, Laurido Ballestreros, Silva Rengifo, Caicedo Valencia, Valencia Candelo, Perea Loboa, Cabezas Rodriguez, Mulato Palacios, Luna Garcia, Hidalgo Llanos, Cantillo Castillo (Perez Bermudez). All. Patino Alvarez

CHIVAS: Cendejas Sanchez, Jimenez Quintero, Mireles Garza, Gonzalez Alba (Ponce Casas), Rodriguez Cabrera, Yanez Cervantes, Gomez Garcia, Perez Bouquet, Murillo Virgen (Sanchez Ramirez), Martinez Ruiz, Levya Cortes. All. Guznan

MARCATORI 9′ Hidalgo Llanos, st 33′ Mireles Garza

NOTE: espulsi 39′ st Mulato Palacios e Jimenez Quintero; ammonito Garcia

ARBITRO: Moschione di Gradisca d’Isonzo

Una finale infinita, decisa solamente dalla roulette russa dei calci di rigore, con tanto di “gol-non gol” sull’errore decisivo: è servito un vero e proprio thriller per decidere la 34esima edizione del Torneo internazionale “Nereo Rocco”, che vede per la prima volta trionfare i colombiani del Deportivo Cali. Del resto i biancoverdi erano già sopravvissuti altre due volte nel loro cammino alle forche caudine dei penalty, anche grazie al loro amuleto e pararigori Molina Dominguez. Quel che è certo è che dopo un triennio di successi italiani, il trofeo torna a sorvolare l’oceano. Dopo un inizio piuttosto manovriero ed intraprendente da parte dei messicani, al primo vero affondo sono i colombiani a passare: Depor avanti grazie all’incornata di Hidalgo Llanos, che stacca di testa imperiosamente in un’area piuttosto trafficata sul corner di Cabezas Rodriguez. Il gol sembra quasi sciogliere i sino a quel momento timorosi biancoverdi, che si rifanno vivi in altre due occasioni: al 13′ con Mulato che innesca Garcia di tacco (palla a a lato) e con una bella ripartenza in cui ancora lo scatenato Llanos viene contrato proprio in extremis a lato da un difensore rossonero. Il Chivas sembra non riuscire a scrollarsi di dosso la “scimmia” dello svantaggio e continua a rischiare sulle fiammate – per quanto intermittenti – del “depor”: come alla mezzora, quando è Caicedo Valencia a inzuccare di testa verso lo specchio sugli sviluppi di un corner, ma è provvidenziale ancora una volta la deviazione di un difensore. I centramericani provano a scuotersi con una punizione di Garcia dai 25 metri, alta sopra la traversa. Nella ripresa il Chivas prova a coprire meglio gli spazi con una manovra piu’ avvolgente e l’ingresso del terminale offensivo Ponce Casas, ma alla squadra di Guznan manca sempre la profondità. Ci prova l’interessante Jimenez Quintero, quasi un regista esterno, ad accendere la gara con un paio di fiammate nei primi 10′ del secondo tempo, ma sempre senza vedere lo specchio della porta. Ed è ancora lui, al 22′, ad impegnare Molina dopo una bella azione in combinazione con Ponce Casas in versione pivot: para a terra l’estremo colombiano. Il Deportivo si rivede poco prima di metà frazione, con un’inzuccata di Llanos Hidalgo che lascia di sasso Sanchez ormai battuto: palla alta di un niente. La sfida si potrebbe chiudere quando Mulato Palacios sfoga tutta la sua potenza in contropiede: brucia il diretto avversario e conclude potente, Sanchez respinge in corner. La sfida pare in ghiacciaia ma ci pensa Mireles Garza a rimettere tutto in discussione: grande verticalizzazione e Garza scarta anche Molina per poi insaccare sul palo lontano il gol liberatorio: 1-1. Reagisce rabbioso il Cali, quasi subito, con un diagonale di Luna bloccato a terra da Sanchez. Il finale di tempo è rovente, con una doppia espulsione (dei due migliori per parte: Mulato e Quintero) per una brutta gazzarra a metà campo. Nel primo overtime è il Chivas ad andare vicino al colpo gobbo ancora con Garza, lesto a scartare il portiere che pero’ riesce a costringerlo ad allargarsi: il puntero tenta comunque la conclusione da posizione impossibile, ma la sfera è salvata sulla linea di porta. Nei supplementari non succede nulla di rilevante: serve il crudele epilogo dei rigori, che ad oltranza premia la maggiore freddezza dei colombiani.

MIGLIOR GIOCATORE: Josè Daniel Mulato Palacios (Deportivo Cali)

CAPOCANNONIERE: Manuel Ponce Casas (Chivas Guadalajara) 3 reti

MIGLIOR PORTIERE: Jean Paul Dominguez Molina (Deportivo Cali)

MIGLIOR TECNICO: Juan Alfaro Guznan (Chivas Guadalajara)

E’ FRA DEPORTIVO CALI E CHIVAS GUADALAJARA LA FINALISSIMA DI DOMANI ALLO STADIO “ROCCO” DI TRIESTE

E’ fra i colombiani del Deportivo Cali e i messicani del Chivas Guadlajara l’inedito atto conclusivo del Torneo internazionale di calcio Under 17 “Nereo Rocco”, che domani – nell’omonimo stadio di Trieste – vivrà dunque l’atteso momento decisivo (fischio d’inizio alle 16, anche su Rai Sport e Rai 3 regionale). Termina dunque in semifinale e solo ai calci di rigore la corsa di un ottimo Napoli, ultima rappresentante tricolore rimasta in corsa, ed uscita di scena – dunque – da imbattuta. Ad illudere i partenopei era stata un’incornata del solito D’Agostino. Azzurri abbastanza padroni della scena, con i sudamericani incapaci di pungere per larga parte dell’incontro. Al contrario, il Napoli nella ripresa ha sfiorato per due volte il raddoppio, in particolare con una splendida conclusione di D’Agostino, ma proprio sul filo di lana arriva la doccia fredda dell’inzuccata di Mulato Palacio che ha trascinato la sfida al sempre crudele epilogo dei calci di rigore. Nell’altra semifinale, altalena di emozioni fra il sempre effervescente Chivas e gli austriaci del Karnten. Carinziani in vantaggio per primi, poi i centramericani mettono la freccia con Mireles Garza e Alba Gonzalez. Un penalty di Muller rimette le cose a posto per la formazione d’oltreconfine, che sognava la seconda finale della sua storia, ma il sogno muore….all’Alba (Gonzales). Lo stadio Bearzot di Gorizia ha ospitato per il secondo anno consecutivo, nell’ ambito del Trofeo Rocco , un match di esibizione della Nazionale Italiana Calcio Amputati​. Il raduno, che vede la squadra ospite delle strutture di Lignano Sabbiadoro, coinvolge14 giocatoriche lavor!no sotto le direttive del CT​ Renzo Vergnani, dell’allenatore in seconda​Paolo Zarzana​ e dell’allenatore dei portieri​ Federico Bee. Gli allenamenti collegiali sono improntati alla finalizzazione della preparazione tecnica in vista del torneo internazionale del Sei Nazioni di Varsavia (6-9 settembre). Al raduno erano presenti il Presidente FISPES​ Sandrino Porru​ e la Vicepresidente federale​ Antonella Munaro, accolti dal presidente del Torneo Rocco, Franco Bonanno. “Una presenza che commuove e ci onora- ha affermato quest’ultimo- . L’insegnamento che ci danno questi ragazzi, in grado di superare i propri limiti fisici e psicologici, va oltre persino al concetto di sport. Sono felice che la loro esibizione sia avvenuta in concomitanza con il primo torneo Pulcini “Nereo Rocco”: per i bambini incontrare questa realtà penso sia stato importantissimo”. Al primo Trofeo Nereo Rocco dedicato alla categoria Pulcini sono state protagoniste sul campo le formazioni di Pro Gorizia, Amici dello sport Visco, San Canzian Begliano, Azzurra, Villesse Calcio, Forum Julii, Pro Cervignano Muscoli, Pro Fagagna, U.S. Triestina Calcio e UFM Monfalcone.

DEPORTIVO CALI 5
NAPOLI 3
(4-2 AI CALCI DI RIGORE, TEMPI REGOLAMENTARI 1-1)
DEPORTIVO CALI DEPORTIVO CALI: Molina, Ballestreros, Rengifo, Valencia, Candelo, Meija, Rodriguez, Palacios, Garcia, Bermudez, Castillo. All. Patino
NAPOLI: Baietti, Somma, Cirillo, Natale, Barba, Sepe, D’Agostino, Acampa, Iaccarino, Umile, Verdile. All. Carnevale
MARCATORI: pt 3′ D’Agostino, st 28′ Mulato Palacio

KAERNTEN-CHIVAS 2-3
KAERNTEN Lesiak, Pertlwieser, Hartweger, Mutapcic,, Piras, Muller, Leitinger, Russling, Veratschnig, Weinhandl, Obidimma. All.Kranitzer.
CHIVAS Sanchez,Garza, Quintero, Alba, Cabrera,, Yanez, Garcia,, Bouquet, Murillo, Ruiz, Cortes. All. Guznan.
MARCATORI: Russling, Mireles Garza, Alba Gonzalez, Muller(rig), Alba Gonzales