L’ISONTINO E’ PRONTO A CONOSCERE LA NAZIONALE AMPUTATI. AZZURRI OSPITI DI TROFEO ROCCO, CONI E FIGC REGIONALI

C’è una nazionale, una sola, che potrà dire di essere stata ai Mondiali di calcio nel corso del 2018. E l’Isontino, con orgoglio, potrà affermare di averla “adottata”. Stiamo parlando della rappresentativa azzurra Amputati, che da venerdi a lunedi sarà in ritiro in provincia di Gorizia per preparare la sua partecipazione alla kermesse iridata in programma il mese prossimo in Messico. Un ritiro che avviene sotto l’egida del Trofeo “Nereo Rocco”, il “mundialito” di calcio giovanile che si è concluso poco piu’ di una settimana fa. E che da sempre vuole abbinare l’attenzione per il sociale al puro evento agonistico. E così, la squadra azzurra di questa disciplina forse ignota ai più eppure così densa di valori e contenuti agonistici ed umani, sarà ospitata all’hotel “Ai Due Leoni” di Farra d’Isonzo per poi svolgere alcune sessioni di allenamento sui campi comunali della stessa Farra e di San Lorenzo Isontino, per poi dare vita ad un match esibizione a Gorizia, con il coinvolgimento del mondo della scuola. “L’intuizione di invitare qui la nazionale amputati è stata del presidente regionale del Coni Giorgio Brandolin – riconosce Franco Bonanno, deus ex machina del “Trofeo Rocco” -. Quando me ne ha parlato mi sono documentato e sono stato travolto dalla voglia di vivere di questi ragazzi, che nonostante le proprie menomazioni riescono a praticare lo sport piu’ bello del mondo con una grinta e un’abnegazione commoventi. Il nostro torneo ha sempre voluto trasmettere anche dei messaggi profondi che forse solo il linguaggio dello sport riesce a sublimare in questo modo. Ringrazio il Coni e il comitato regionale Figc, nella persona del presidente Ermes Canciani, per averci creduto assieme a noi. E mi auguro – conclude Bonanno – che anche la nostra gente voglia stringersi attorno a questi ragazzi per augurare loro una grande corsa al Mondiale”.

IL PROGRAMMA DEL RITIRO ISONTINO La Nazionale Amputati si allenerà sabato 15 dalle 10 alle 12 al campo comunale di Farra e dalle 16.30 alle 18.30 su quello di San Lorenzo Isontino. Domenica 16 dalle 10 alle 12 a S.Lorenzo e 16.30-18.30 a Farra. Lunedì 17 settembre al mattino (9.30) il match-esibizione allo stadio “Enzo Bearzot” di Campagnuzza-Gorizia, seguita alle 11.30 dal ricevimento ufficiale al Comune di Gorizia e, nel pomeriggio con orario 16.30-18.30, da un ultimo allenamento sul campo di S. Lorenzo.

IL MONDIALE I Campionati Mondiali sono in programma dal 27 ottobre al 4 novembre in Messico. L’esito del sorteggio dei gironi porterà gli Azzurri a sfidare a Guadalajara le Nazionali di Argentina, Francia e Ghana nel gruppo B. La Coppa del Mondo vedrà la partecipazione di 24 squadre suddivise in sei gironi. Passano agli ottavi le prime due classificate di ciascun gruppo e le quattro migliori terze.  L.M.

 

C’è anche un pizzico di Friuli Venezia Giulia nella Nazionale Amputati che da venerdi è in ritiro in provincia di Gorizia. E, anzi, è pure un tocco di Isontino. Merito di Salvatore La Manna, uno dei pilastri difensivi della squadra azzurra di coach Vergani. Salvatore, originario di Palermo, vive infatti a San Vito al Tagliamento dal 2002. E da un paio di stagioni è anche un atleta della Castelvecchio Gradisca di basket in carrozzina. “Ma il mio primo e vero amore è il calcio. Quando posso calciare un pallone mi sento libero e felice. E poterlo fare ancora dopo ciò che mi è capitato mi rende così fortunato e orgoglioso. il calcio è vita” ha raccontato nelle scorse settimane, commuovendo la platea alla presentazione del Trofeo Nereo Rocco. Militare, sposato e papà di Manuele, Salvatore La Manna è menomato a seguito di un incidente stradale patito mentre era di stanza in Libano. Lo choc dell’amputazione lascia piano piano, lentamente spazio alla gioia di vivere: l’amore della moglie, la nascita di Manuele, e l’amatissimo pallone. La Manna, vistosi troncare dal destino una discreta carriera da calciatore dilettante, appena sente parlare del calcio per amputati non vuole sentire ragioni: “Ho voluto provare a tutti i costi- racconta -: calcare un prato e inseguire un pallone mi mette le ali. In partita non esiste alcun handicap, solo la voglia di superare i propri limiti e sudare per i compagni. Come qualunque sport. Farlo per la maglia azzurra, poi, è un sogno che si realizza”.

 

 

– La Nazionale Italiana Calcio Amputati nasce dalla volontà di Francesco Messori, un ragazzo nato senza una gamba, ma con una forte passione per il calcio.

– Nel 2011 il CSI – Centro Sportivo Italiano – concede a Francesco di giocare in un campionato CSI di normodotati. Utilizzando Facebook, Francesco recluta una squadra di persone amputate provenienti da tutto il territorio italiano.

– Oggi la Nazionale è parte della WAFF – World Amputee Football Federation e da dicembre 2017 è tra le discipline di competenza FISPES (Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali).

– La prima amichevole internazionale è stata disputata in Francia nell’aprile 2013. Nel 2014 la storica prima volta ai Mondiali in Messico

– Lo scorso ottobre l’Italia ha partecipato ai primi Europei per il calcio amputati, conquistando un quinto posto e la qualificazione ai Mondiali che si terranno nuovamente in Messico dal 24 ottobre al 5 novembre .

TRIONFO ROSSOBLU’ AL TROFEO ROCCO: IL BOLOGNA CONCLUDE LA BELLA FAVOLA DELLA RAPPRESENTATIVA DEL FVG

Bologna meritatamente per la prima volta nell’albo d’oro del Mundialito di Gradisca. Termina in un rinnovato stadio “Rocco” di Trieste, impreziosito dalla presenza di oltre un migliaio di spettatori, finisce la splendida cavalcata della Rappresentativa Allievi del Friuli Venezia Giulia. Davide contro Golia, professionisti contro dilettanti: è comunque un successo per i ragazzi regionali.

La finale del Mundialito è piacevole e non scontata, anche se i ragazzi regionali probabilmente sono stati traditi da stanchezza ed emozione. Il Bologna, squadra solida che nel corso della settimana è uscito indenne da partite molto complicate, si presenta con una difesa a tre e un centrocampo folto nel quale a turno gli interpreti hanno il compito di inserirsi alle spalle del tandem Antenori-Parlante (capocannoniere, quest’ultimo, dei felsinei). FVG con il 4-2-3-1. Il maggiore tasso tecnico dei rossoblù è evidente nella circolazione della manovra, orchestrata soprattutto dall’ottimo Grieco, un piccolo Modric, e nei movimenti senza palla, ma il FVG con l’orgoglio rimane in partita.

Anche grazie a un sempre sicurissimo Ronco, che dapprima alla mezz’ora neutralizza la conclusione da fuori di Bolognesi e quindi è bravo in uscita bassa su Antenori ancora bravo a smarcarsi sul centrosinistra dell’area come in occasione del primo gol. Botta e risposta di occasioni a ridosso della conclusione di tempo: la prima volta in area avversaria per la rappresentativa regionale, con il diagonale debole del neoentrato Delle Case pescato in ottima posizione da un lancio sulla trequarti; e quindi la terza parata importante di Ronco, stavolta su Campagna,  ben liberato da un tocco al limite di Casadio: il tentativo di lob è neutralizzato dall’estremo pordenonese, che poco dopo si distende anche in corner su Sanzovo.Nella ripresa il copione non sembra cambiare, con il volonteroso FVG che non riesce a trovare profondità e il Bologna che, sornione, palleggia e ogni tanto affonda. Ed è Buso, per due volte, a provarci dalla distanza e dimostrare che non è ancora finita. E a tenere in piedi i regionali c’è il solito Ronco, che a tu per tu con Antenori rimane in piedi fino all’ultimo e sventa il tocco beffardo del puntero felsineo.

Dura poco, perchè al 16′ su corner carico di effetto da parte di Grieco, Cudini spizza di testa sul palo lungo il gol del raddoppio. Sfortunatissima, la rappresentativa, al 22′ quando passa l’ultimo treno per riaprire la gara: Bronzin colpisce la traversa, poi Bizzini neutralizza il tap in di Vidotto. In zona Cesarini il sigillo di Fabretti.

I PREMIATI: miglior giocatore Grieco (Bologna); capocannoniere: Federico Pagani (Atalanta, 5 reti);  miglior portiere: Bizzini (Bologna); fair play: Fc Gois (Giappone); miglior tecnico Pierangelo Moso (Rappresentativa FVG).

FVG 0
BOLOGNA 3

RAPPRESENTATIVA FVG: Ronco (Chions); Bronzin (Donatello), Bruno (Manzanese, poi Buso, Donatello), Calliku (Donatello, Poi Vrh Trieste Calcio), Cignola (CjarlinsMuzane), Facchin (Fiume Veneto Bannia), Del Ben (Fontanafredda, poi Torresan, CjarlinsMuzane), Gueye (Trieste Calcio), Msatfi (Manzanese, poi Delle Case, Forum Julii)), Santosuosso (Manzanese), Vidotti (Tolmezzo, poi Kasa, ISM Gradisca). All. Moso

BOLOGNA: Bizzini, Varano, Grieco, Cudini, Campagna (Secli), Antenori (Secli), Bolognesi, Casadio, Parlanti (Fabretti), Ristic, Sanzovo. All.Magnani,

MARCATORI: pt 11’Antenori, st 16′ Cudini, 41′ Fabretti

ARBITRO: Zilani di Trieste

BOLOGNA E FVG LE INEDITE FINALISTE DEL XXXIII TROFEO “NEREO ROCCO”

Rappresentativa FVG nella storia del Mundialito di Gradisca. La compagine Allievi del Friuli Venezia Giulia si conferma un’autentica ammazzagrandi e conquista l’atto conclusivo in programma oggi allo stadio “Nereo Rocco” di Trieste. Dolcissimo, per i ragazzi del ct regionale Pierangelo Moso, è ancora una volta l’epilogo dal dischetto: e così dopo la Juventus alza bandiera bianca anche la Lazio. Prossima fermata: il Bologna in finale (alle 16 e in diretta canale Rai regionale). La semifinaledi Remanzacco è equilibrata e seguita da un folto pubblico accorso a spingere i ragazzi locali. Nelle fila della selezione regionale il più insidioso è sempre il tolmezzino Vidotti, che nella prima fase di gara si vede murato per ben due volte dalla retroguardia capitolina. Poco dopo la Lazio passa grazie ad una splendida conclusione di prima intenzione di Kammou a fare secco Ronco. Anche nella ripresa la rappresentativa lotta gagliarda e resta in partita, ben guidata fra i pali dal sempre sicuro portiere Ronco. E gli sforzi a metà ripresa vengono ripagati alla grande. Il pari è tutto “made in Manzanese”: Bruno serve un bel pallone a capitan Santosuosso che in diagonale non lascia scampo a Caruso. Col passare dei minuti prevale la tensione e si rende inevitabile l’epilogo dal dischetto. FVG infallibile, la Lazio sbaglia il suo ultimo rigore ma protesta vivacemente per il penalty vincente dei ragazzi di casa, quello di Dalle Case, che schizza sulla parte interna della traversa e poi, secondo il direttore di gara e per l’iniziale incredulità dello stesso giocatore friulano che si stava disperando, varca la linea bianca consegnando uno storico posto in finale al Friuli Venezia Giulia. Storica anche l’affermazione del Bologna sul Chivas, perche’ mai i felsinei erano approdati all’atto conclusivoi. Ci riescono al termine di una partita tattica e a tratti frenetica, sfruttando al meglio una delle rare occasioni create nella partita. E’ il rossoblu Parlanti a siglare il gol vittoria grazie ad un tocco ravvicinato che non ha lasciato scampo a Fregoso In precedenza da segnalare due grosse occasioni per il Chivas. Nel primo tempo è stato Cudini a rischiare l’autogol con un colpo di testa all’indietro e la palla che colpisce in pieno il palo.

DOMANI GRAN FINALE AL ROCCO E LA TRIESTINA PRESENTA GRANOCHE

MILANESE: “PRESENTIAMO GRANOCHE E POI TUTTI ALLO STADIO PER LA FINALE DEL ROCCO”

Sarà una grande giornata di calcio domani a Trieste allo Stadio Nereo Rocco. Alle 15 la Triestina presenta il suo bomber Granoche, il grande colpo del mercato alabardato. E poi dalla sala stampa del Rocco l’attenzione si sposterà sul campo dove ci saranno le finaliste del torneo. Alle 16 la finalissima e anche Mauro Milanese invita tutti allo stadio per vivere una bellissima giornata di sport. Così si chiuderà la trentatreesima edizione del Trofeo Internazionale Nereo Rocco – Città di Gradisca d’Isonzo. Chi alzerà la Coppa al cielo nello stadio rinnovato che vedrà poi tra i grandi protagonisti proprio Granoche?

I QUARTI DEL MUNDIALITO: JUVE E MILAN OUT, CHE IMPRESA DELLA RAPPRESENTATIVA FVG

Allievi regionali da stropicciarsi gli occhi: eliminano ai rigori la Juventus e conquistano una storica semifinale al Mundialito “Nereo Rocco” di Gradisca. Ora i ragazzi del Friuli Venezia Giulia se la vedranno con la Lazio, ma già essere fra le magnifiche 4 è traguardo da incorniciare.. Esce di scena, oltre ai bianconeri, anche il Milan. Tre sfide su quattro si concludono alla dolorosa lotteria dei rigori. Il sogno della Rappresentativa FVG prende forma al quarto d’ora, quando è Vidotti (Tolmezzo), già decisivo per eliminare il Napoli e giocarsela nei quarti, ad andare a segno: conquistata palla al limite si libera da campione degli avversari e con una precisa conclusione alla destra del portiere manda avanti i suoi. La Juventus alza i ritmi, schiaccia i regionali nella propria metà campo, va vicina al pari con De Graca (gran risposta del portierino Ronco, del Chions) e alla fine riagguanta la sfida grazie a un inserimento di Poppa rendendo incandescente l’ultima fase della gara. Ai calci di rigore la spuntano i ragazzi del ct Pierangelo Moso con le due parate decisive di un monumentale Ronco. Finisce col presidente regionale Figc Ermes Canciani in campo ad abbracciare uno per uno i suoi ragazzi. Girandola di emozioni fra Lazio e Udinese. Sfida giocata a viso aperto e con pochi tatticismi da entrambe le contendenti, eppure il risultato non si schioda dallo 0-0. Finale rovente, con le zebrette di mister Di Biaggio che resistono grazie alle super parate del proprio estremo difensore, a un salvataggio sulla linea e anche alla buona sorte: per i biancocelesti pure una traversa. Udinese che potrebbe passare con una punizione liftata di Ianesi, ma la parata dell’estremo capitolino è da applausi. Si rende necessario l’epilogo piu’ crudele, quello dei tiri dagli 11 metri: risulta piu’ precisa la Lazio, piangono le zebrette bianconere per l’errore determinante di Cucchiaro. Grande equilibrio anche fra Milan e Bologna: match a reti involate, per dirimere la questione anche in questo caso servono i tiri dal dischetto. Sono piu’ precisi i felsinei, che il giorno prima erano praticamente…smontati dal pullman che li avrebbe riportati a casa eliminando in extremis la Stella Rossa: per i rossoblu rigore decisivo di Cudini, fatale per i “diavoletti” rossoneri l’errore di Capone. Passa il turno in rimonta il Chivas Guadalajara. I messicani, passati in svantaggio a causa di un gol di Jasic, eliminano gli austriaci del Karnten nella ripresa grazie a Baez, su splendida punizione, e Freeman, agevolati anche dalla superiorità numerica per l’espulsione di Heiden in occasione della rete del pareggio.
RISULTATI QUARTI DI FINALE Juventus-Rappresentativa FVG 4-5(dopo i calci di rigore, tempi regolamentari 1-1), Chivas-Karnten 2-1 (Jasic, Baez, Freeman); Lazio-Udinese 6-5, dopo i calci di rigore, , tempi regolamentari 0-0) Milan-Bologna 2-3 (dopo i calci di rigore, tempi regolamentari 0-0).
SEMIFINALI martedi 4 settembre Chivas-Bologna (Gorizia, 19.30). Lazio-Rappresentativa FVG (Remanzacco, 19.30). Finalissima allo stadio Nereo Rocco di Trieste mercoledi alle 16, diretta sulla Rai 3 regionale.

ECCO LE QUALIFICATE AI QUARTI DI FINALE DOPO UN’ULTIMA GIORNATA AL CARDIOPALMA

TROFEO ROCCO ECCO LE QUALIFICATE AI QUARTI Vento tricolore al Mundialito, ben sei le italiane ai quarti. Ultima giornata di eliminatorie con emozioni a raffica al Trofeo “Nereo Rocco” di Gradisca d’Isonzo. La kermesse Allievi ha eletto le “magnifiche 8” ed è festa per il contingente dello Stivale Già certe di staccare il biglietto Milan e Juventus, l’ultimo turno era chiamato a stabilire anche le gerarchie in vista dei quarti di finale. Oltre alle due “big”, la rappresentanza italiana è arricchita dal passaggio del turno di altre tre rappresentanti del Belpaese . O, sarebbe piu’ corretto affermare, del Friuli Venezia Giulia: perchè accanto al Bologna, centrano infatti l’impresa del passaggio del turno sia l’Udinese che – per il secondo anno consecutivo – la Rappresentativa Allievi FVG. Per le zebrette friulane è decisivo il rigore di Palumbo che piega per 1-0 i già qualificati rossoneri. In classifica scaturisce un arrivo a tre al fotofinish, nel quale l’Udinese fa compagnia al “Diavolo” e taglia fuori l’Atalanta che a dispetto della goleada ai nipponici del Gois è out per il principio della differenza reti nella classifica avulsa. Festa grande per la rappresentativa regionale del ct Pierangelo Moso, che grazie al gioiellino del Tolmezzo Vidotti (rete decisiva, e pazienza per un un rigore fallito) eliminano il Napoli ed agguantano il secondo posto, guadagnandosi una sfida da sogno contro la Juventus, che in mattinata aveva fatto il proprio dovere contro Malta chiudendo il girone a punteggio pieno. Salutano la compagnia i campioni in carica del Venezia, piegati dal Chivas: anche i messicani sin qui han fatto percorso netto. Ed è arrivo al cardiopalma pure nel girone C, dove risulta decisivo lo scontro diretto fra Lazio e Karnten: i biancocelesti piegano i carinziani, ma la rete in extremis della compagine austriaca è ossigeno puro perchè rende inutile la goleada dei danesi del Midtjylland contro la Triestina. Brividi anche nel girone B, ove il Bologna festeggia una qualificazione last minute ai danni della Stella Rossa grazie a un penalty dei felsinei nella fase finale del match. Le ultime due straniere rimaste, Chivas e Karnten, peraltro si troveranno una di fronte all’altra nel prossimo match.

RISULTATI ULTIMA GIORNATA ELIMINATORIE: Juventus-Malta 1-0, Bologna-Stella Rossa 3-2, Napoli-Rappresentativa Fvg 0-1, Venezia-Chivas 2-3, Lazio-Karnten 2-1, Triestina-Midtjylland 0-6, Gois-Atalanta 1-5, Milan-Udinese 0-1
CLASSIFICHE: girone A Juventus 9*, Bologna 4*, Malta 2, Stella Rossa 1; girone B: Chivas 9*, Rappresentativa FVG 4*, Venezia 2, Napoli 1; girone C: Lazio, Kartnen e Midtjylland 6, Triestina 0; girone D: Milan*, Udinese* e Atalanta 6, Gois 0. *squadre qualificate
PROGRAMMA QUARTI DI FINALE lunedi 4 settembre Juventus-Rappresentativa FVG (San Canzian, 20); Chivas-Karnten (Monfalcone, 18), Lazio-Udinese (Lignano, 18.30), Milan-Bologna (Visco, 18).

TORNEO FEMMINILE GIANCARLO POZZO AL TAVAGNACCO

Le ragazze del Tavagnacco si aggiudicano la terza edizione del torneo “rosa” dedicato all’ex presidente della Pro Gorizia Giancarlo Pozzo, fratello del patron dell’Udinese Giampaolo. Nel triangolare le friulane si sono imposte per 1-0 sulle slovene del Znk Zmoje-Lece.Si Radomje e per 2-0 nel match decisivo contro il Venezia.

MILAN E JUVENTUS AVANTI A BRACCETTO , CON LORO ANCHE CHIVAS E KARNTEN

Milan e Juventus col vento in poppa. Primi verdetti al Mundialito per club di Gradisca d’Isonzo. La kermesse intitolata al “Paròn” Nereo Rocco si avvicina alla seconda fase, ma c’è già chi puo’ brindare al passaggio del turno con una giornata di anticipo.Due formazioni italiane e due straniere, per la precisione: rossoneri e bianconeri continuano a non fare sconti e travolgono rispettivamente Atalanta e Stella Rossa. Ma staccano il biglietto per la fase ad eliminazione diretta anche i messicani del Chivas (grazie all’affermazione in extremis sul Napoli) e i tonici austriaci del Kartnen. Ma andiamo con ordine. Nel girone A, quello della Juventus, i nipotini della Vecchia signora sono gia’ certi non solo della qualificazione, ma anche del primo posto. Il Bologna si mangia infatti le mani per essersi fatto raggiungere da unqa sempre orgogliosa nazionale di Malta, al secondo pari consecutivo. Oggi è spareggio tra felsinei e Stella Rossa per continuare l’avventura. Nel girone B, il Chivas allunga su tutte le contendenti, approfittando del pari tra Venezia e Alllievi del FVG. Nel C, il Midtjylland torna a respirare piegando la Lazio: danesi che ora hanno le carte migliori per il passaggio del turno, perchè si assicurano lo scontro diretto coi biancocelesti e ora attendono una Triestina già eliminata. Milan molto sicuro di sè nel girone D, travolgendo un’Atalanta che oggi con i giovanissimi nipponici del Gois puo’ comunque passare il turno e cancellare le residue speranze di un’Udinese impostasi di goleada proprio sugli asiatici. Oggi la kermesse eleggerà dunque le ultime 4 qualificate.
RISULTATI: Bologna-Malta 2-2, Juventus-Stella Rossa 3-0, Venezia-FVG 0-0, Napoli-Chivas 0-1, Lazio-Midtjylland 0-1, Triestina-Karnten 0-3, Gois-Udinese 0-5, Milan-Atalanta 3-0.
TORNEO FEMMINILE GIANCARLO POZZO AL TAVAGNACCO Le ragazze del Tavagnacco si aggiudicano la terza edizione del torneo “rosa” dedicato all’ex presidente della Pro Gorizia Giancarlo Pozzo, fratello del patron dell’Udinese Giampaolo. Nel triangolare le friulane si sono imposte per 1-0 sulle slovene del Znk Zmoje-Lece.Si Radomje e per 2-0 nel match decisivo contro il Venezia.
PROGRAMMA ULTIMA GIORNATA ELIMINATORIE: domenica 2 settembre Juventus-Malta (Cormons, 11), Bologna-Stella Rossa (Teor, 19), Napoli-Fvg (Remanzacco, 19), Venezia-Chivas (Cesarolo, 19), Lazio-Karnten (Lignano, 17.30), Triestina-Midtjylland (Cassacco, 19), Gois-Atalanta (Visco, 18), Milan-Udinese (Sedegliano, 19).
CLASSIFICHE: girone A Juventus 6, Malta 2, Stella Rossa e Bologna 1; girone B: Chivas 6, Venezia 2, Napoli 1, FVG 0; girone C: Kartnen 6, Lazio e Midtjylland 3, Triestina 0; girone D: Milan 6, Atalanta e Udinese 3, Gois 0.

MILAN E JUVENTUS SUBITO COL TURBO AL MUNDIALITO “NEREO ROCCO” DI GRADISCA . DEBUTTO SENZA PASSI FALSI PER LE DUE BIG. BALBETTANO NAPOLI, STELLA ROSSA E MIDTJYLLAND

 

Fanno subito la voce grossa Juventus e Milan nella giornata inaugurale del 33esimo Mundialito per Club “Nereo Rocco” di Gradisca d’Isonzo. Sei gol fatti, nessuno al passivo per le due protagoniste piu’ attese del torneo Allievi Under 17 in programma sino al 5 settembre su una ventina di campi del Friuli Venezia Giulia. Poker per i “diavoletti” rossoneri contro i nipponici del Fc Gois: a segno Giosuè, Capone, Cretti e Bosisio. I nipotini della Vecchia Signora regolano invece il Bologna con un classico 2-0 griffato Abou e Zanchetta. E se nel match inaugurale di Gradisca Napoli e campioni in carica del Venezia non vanno oltre un pari a reti inviolate, la storia piu’ intrigante della prima giornata viene da Cividale, dove l’Atalanta piega l’Udinese con una rete del friulanissimo De Nipoti, originario proprio del centro ducale e che su quel campo è cresciuto, indossando i colori del Forum Julii. Restando fra le regionali, ko pesante della Triestina contro una tonica Lazio, mentre la rappresentativa AllievI FVG cede di schianto ai messicani del Chivas dopo un buon primo tempo. La sorpresa di giornata è la museruola messa da Malta alla Stella Rossa: la nazionale mediterranea sogna addirittura il colpaccio, andando in vantaggio con Kelly prima di venire raggiunta dal serbo Toskovic su tiro dal dischetto. I danesi del Midtjylland infine si fanno sorprendere dagli austriaci del Karnten.

RISULTATI Stella Rossa-Malta 1-1, Juventus-Bologna 2-0; Chivas-FVG 4-1, Napoli-Venezia 0-0; Midtjylland-Karnten 0-1, Lazio-Triestina 3-0; Milan-Gois 4-0, Atalanta-Udinese 1-0.

CLASSIFICHE: girone A Juventus 3, Stella Rossa e Malta 1, Bologna 0; girone B: Chivas 3, Napoli e Venezia 1, FVG 0; girone C: Lazio e Karnten 3, Midtjylland e Triestina 0; girone D: Milan e Atalanta 3, Udinese e Gois 0.

PROGRAMMA sabato 1 agosto: Bologna-Malta (Fiumicello, 18.30), Juventus-Stella Rossa (Villesse, 19.30), Venezia-FVG (Morsano al Tagliamento, 19.30), Napoli-Chivas (Lignano, 20), Lazio-Midtjylland (Fagagna, 19), Triestina-Karnten (Lignano, 18.30), Gois-Udinese (Cesarolo, 19.30), Milan-Atalanta (Treppo Grande 18.30). Sabato 1 agosto anche la terza edizione del torneo “rosa”: al “Bearzot” di Gorizia si sfidano le ragazze di Tavagnacco, Venezia e ZNK Moje-lece (Slovenia).

IL MUNDIALITO INIZIA LA SUA AVVENTURA: GARA INAUGURALE NAPOLI-VENEZIA A GRADISCA

Countdown esaurito. Si apre venerdi 31 AGOSTO il sipario sulla 33esima edizione del Trofeo “Nereo Rocco-Città di Gradisca”, storica kermesse dedicata alla categoria Allievi Under 17. Una kermesse ancora piu’ competitiva e credibile nella sua nuova collocazione temporale: lo svolgimento nella prima settimana di settembre, già sperimentato lo scorso anno, rende il “Mundialito” un test precampionato di alto livello per i club italiani. Rappresentanza tricolore che, per inciso, è senza ombra di dubbio la piu’ qualificata degli ultimi anni, con Milan e Juventus di nuovo a braccetto ai nastri di partenza, senza contare vivai illustri come quelli di Atalanta, Lazio, Napoli e Bologna e i campioni in carica del Venezia. Ci sono tutti gli ingredienti, dunque, per confermare il trend dell’ultimo biennio, che ha visto le formazioni italiane riscattarsi nell’albo d’oro dopo decenni di egemonia straniera. Al via anche tre rappresentanti del Friuli Venezia Giulia: Triestina, Udinese e la Rappresentativa regionale Allievi. 3 i continenti rappresentati: Europa (occhio  Midtyjlland e Stella Rossa), Asia e America. La finalissima del Trofeo Nereo Rocco costituirà il test-match per il rinnovato stadio Rocco di Trieste dopo i lavori di adeguamento in vista dell’Europeo Under 21 del 2019: atto conclusivo mercoledi 5 settembre, dopo una settimana di partite su una ventina di campi del Triveneto.

GIRONI. A: Juventus, Bologna, Stella Rossa (Serbia), Malta. B: Napoli, Venezia, Chivas (Messico), Rappresentativa FVG. C: Lazio, Triestina, Midtyjlland (Danimarca), Kartnen (Austria); D: Milan, Gois (Giappone), Atalanta, Udinese.

IL PROGRAMMA: venerdi 31 agosto Stella Rossa-Malta (Palazzolo dello Stella, 18), Juventus-Bologna (Lignano, 20); Chivas-FVG (San Canzian, 20), Napoli-Venezia (Gradisca, 20); Midtjylland-Karnten (Varmo, 17.30), Lazio-Triestina (Aquileia, 18); Milan-Gois (Lignano, 18.30), Atalanta-Udinese (Cividale, 18.30). Sabato 1 agosto, oltre alla seconda giornata eliminatoria del torneo maschile, anche la terza edizione del torneo “rosa”: al “Bearzot” di Gorizia si sfidano le ragazze di Tavagnacco, Venezia e ZNK Moje-lece (Slovenia).

ALBO D’ORO 1986 Milan 1987 Milan 1988 Lazio 1989 Real Madrid (Spa) 1990 Argentinos Juniors (Argentina) 1991 Fiorentina 1992 Real Madrid (Spagna) 1993 Argentinos J. (Argentina) 1994 Colo Colo (Cile) 1995 Argentinos J. (Argentina) 1996 Argentinos J. (Argentina) 1997 Goldfields Accra (Ghana) 1998 San Paolo (Brasile) 1999 Cruzeiro (Brasile) 2000 Inter 2001 Slovenia 2002 Cruzeiro (Brasile) 2003 Corea del Sud 2004 Atletico Mineiro (Brasile) 2005 Juventus 2006 Atletico Mineiro (Brasile) 2007 Atletico Mineiro (Brasile) 2008 Atletico Mineiro (Brasile) 2009 Milan 2010 Colo Colo (Cile) 2011 Empoli 2012 Colo Colo (Cile) 2013 Coritiba (Brasile) 2014 Coritiba (Brasile) 2015 Midtyjlland (Danimarca), 2016 Atalanta, 2017 Venezia.

Notevole la capacità di questa kermesse, giunta alla sua trentatreesima edizione, di porsi come un attento veicolo per la solidarietà da un lato e della promozione regionale dall’altro. Basti pensare alle città coinvolte. Gradisca d’Isonzo, da cui quest’avventura è partita nel lontano 1986, Lignano Sabbiadoro con l’ospitalità del Bella Italia Efa Village Sport & Family, Gorizia che ospita il torneo femminile Memorial Giancarlo Pozzo. Trieste con la finale al Rocco, stadio rinnovato tenuto a battesimo proprio dal torneo internazionale dedicato al grande allenatore del Milan. E se al calcio servono belle storie ed esempi, da non perdere la testimonianza della Nazionale Amputati: gli azzurri grazie agli organizzatori del Rocco svolgeranno l’ultimo ritiro a Gorizia prima del loro mondiale in Messico, una settimana dopo la conclusione del Mundialito.

News, tabellini e calendario sul sito ufficiale: www.torneodellenazioni.com

Facebook: Trofeo Rocco – Città di Gradisca d’Isonzo

 

e ZNK Moje-lece (Slovenia).

ALBO D’ORO 1986 Milan 1987 Milan 1988 Lazio 1989 Real Madrid (Spa) 1990 Argentinos Juniors (Argentina) 1991 Fiorentina 1992 Real Madrid (Spagna) 1993 Argentinos J. (Argentina) 1994 Colo Colo (Cile) 1995 Argentinos J. (Argentina) 1996 Argentinos J. (Argentina) 1997 Goldfields Accra (Ghana) 1998 San Paolo (Brasile) 1999 Cruzeiro (Brasile) 2000 Inter 2001 Slovenia 2002 Cruzeiro (Brasile) 2003 Corea del Sud 2004 Atletico Mineiro (Brasile) 2005 Juventus 2006 Atletico Mineiro (Brasile) 2007 Atletico Mineiro (Brasile) 2008 Atletico Mineiro (Brasile) 2009 Milan 2010 Colo Colo (Cile) 2011 Empoli 2012 Colo Colo (Cile) 2013 Coritiba (Brasile) 2014 Coritiba (Brasile) 2015 Midtyjlland (Danimarca), 2016 Atalanta, 2017 Venezia.